OPEN DAY 23 Febbraio 2018
22 febbraio 2018
DIALOGO NEL BUIO
20 marzo 2018
Mostra tutto

TERREMOTI

I terremoti sono un problema che al giorno d’oggi non passa inosserveto all’opinione pubblica del nostro paese, alla luce dei recenti disastri come il terremoto dell’aquila del 2009 e quello di amatrice del 2016.  Per troppo tempo però l’Italia ha ignorato che il nostro paese è ad alto rischio sismico, in particolare in alcune regioni come l’Umbria, l’Abruzzo, le Marche, l’Emilia Romagna… Tutte ricche di patrimonio artistico, culturale e storico delicato e da proteggere. Davanti all’emergenza siamo pronti ed eroici ma non siamo lungimiranti nella programmazione delle misure di sicurezza.

Nel mondo ci sono paesi molto più a rischio di noi come il Giappione , ma che riesce a prevenire il rischio costruendo in modo sicuro.

Il terremoto è un’improvvisa e violenta vibrazione della crosta terrestre, provocata dallo spostamento delle placche presenti nel sottosuolo. L’intensità di essi si misura mediante due scale:

  • scala Mercalli, che si basa sugli effeti provocati dal terremoto
  • scala Richter, che misura l’intensità della forza sprigionata da esso (magnitudo).                                                                                                                                                                                                                                                              Le regioni in Italia più al sicuro sono la Sardegna e la Lombardia, quasi completamente antisismiche.                                                                                                                                                                                                                            Proprio nella giornata di ieri 28/02/2018 si sono verificati due terremoti, uno in Puglia in provincia di Foggia di magnitudo 2.3, e un altro in provincia di Perugia di magnitudo 2.1 .                                                                             Speriamo che col tempo, le persone incomincino ad intervenire di più per evitare disastri, e a soccorrere tutti coloro che ne hanno bisogno.                                            ALESSNANDRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *